Nuovo tornio compatto Kummer K50

La SERMAC SRL è lieta di presentarvi il nuovo tornio per la tornitura sul temperato Kummer K50. Un tornio compatto ad alta precisione e alta produttività, con cinematica LSK con motori lineari.

RIDUZIONE DEI TEMPI IMPRODUTTIVI DI OLTRE 50%

 

Concepito per sfruttare pienamente il potenziale di precisione, di accelerazione e di velocità dei motori lineari.

Il concetto brevettato della cinematica di guide lineari (LINEAR SLIDES KINEMATICS) LSK simile al modello K250 permette delle accelerazioni di 10 m/s2 per precisioni di ripetizione di posizionamento dell’ordine del submicron.

Le due slitte lineari sono moduli compatti mossi individualmente sulla stessa guida X tramite motori lineari integrati e stabilizzati termicamente con circolazione di liquido refrigerato, con cuscinetti precaricati di alta precisione.

I cuscinetti sono lubrificati da un sistema centralizzato.

Lo spostamento delle slitte viene misurato direttamente da 2 righe ottiche assolute.

La tenuta stagna e la pulizia delle righe sono garantite da una sovrapressione d’aria.

Il movimento sincronizzato dei due carri allineati sulle loro guide genera uno spostamento in X.

Il movimento relativo di un carro rispetto all’altro, tramite l’inclinazione di una piastra che li collega e di un gioco di guide corte e inclinate a cuscinetti precaricati di alta precisione, causa uno spostamento in Z della fantina mobile ultra leggera, rigidamente montata sulla piastra.

Il basamento è in acciaio riempito di calcestruzzo idraulico posto su tre punti di appoggio, senza fissaggio al suolo, e predisposto per una evacuazione ottimale del liquido refrigerante e dei trucioli dal centro verso la parte posteriore.

Dati tecnici

Corse:                                    X = 100 mm   Z = 50 mm

Guide:                                   cuscinetti precaricati di alta

                                               precisione con lubrificazione centralizzata

Azionamenti:                        motori lineari

Accelerazione:                       10 m/s2

Avanzamenti rapidi:            sino a 50 m/min

Mandrini:                             cuscinetti a sfere a trasmissione diretta

                                               da 8000 a 12000 giri/min

CN:                                        Siemens 840 Dsl

Peso:                                      ca. 1800 kg

Superficie al suolo:               1280 MM X 800 MM

                                               (senza unità di raffreddamento)

La tornitura sul duro di precisione

La tornitura sul materiale temperato richiede la scelta di un equipaggiamento adatto ma anche la conoscenza di quanto permette di tenere sotto controllo il procedimento nel suo insieme.

In generale, gli elementi da considerare per garantire il successo della produzione in grande serie di pezzi in acciaio temperato tramite la tornitura sul duro sono i seguenti:

  • la durezza del materiale
  • gli utensili da taglio in CBN (nitruro di boro cubico). Questi utensili necessitano della velocità di taglio appropriata per evitare rischi di usura precoce. La gamma di mandrini disponibili per i torni Kummel, che raggiunge i 12’000 giri/min., garantisce la miglior scelta.

Essendo gli sforzi di taglio particolarmente importanti, è essenziale che tutti gli elementi coinvolti rispondano alle seguenti necessità:

  • basamento ultra rigido
  • slitte montate su guide con cuscinetti prevaricati
  • fissaggio rigido degli utensili da taglio
  • mandrino ad azionamento diretto, supportato su cuscinetti prevaricati o su cuscinetti idrostatici
  • serraggio di precisione adattato al pezzo da lavorare, che permetta di minimizzare le deformazioni.

La precisione come la intende Kummer non si limita a vantare una risoluzione molto spinta del CNC e delle righe di misura, o a collaudare la macchina in base a precisi controlli statici della geometria del naso del mandrino senza collegamento diretto con le condizioni reali della lavorazione. Kummer considera questi criteri come una base elementare necessaria ma non sufficiente, che rappresenta solo un potenziale di alta precisione da mettere in risalto lungo tutto il complesso processo che costituisce una soluzione di lavorazione ad alta produttività. La vera sfida sarà quindi di portare sino al pezzo lavorato il potenziale di precisione teorica di base. Questo obiettivo viene raggiunto grazie alla rigidità ed al comportamento termico neutro della macchina, tenendo sotto controllo armoniosamente l’insieme dei numerosi fattori d’influenza che sono costituiti da presa pezzo, sequenze di operazioni, valori di taglio, usura degli utensili, deformazioni del materiale…,privilegiando in ogni caso la produttività e soprattutto garantendo la costanza nel tempo.

Nelle immagini sottostanti Vi mostriamo un esempio di valori di rotondità e rugosità ottenuti da tornitura su Kummer e li confrontiamo con valori ottenuti su rettifica